mercoledì 13 febbraio 2013

Quanti modi di fare...e dire: Canovaccio


Non se ne può fare a meno in cucina,
per tutti, compresa la Cuochina!

Se le stoviglie vogliamo asciugare
il canovaccio ci dobbiamo procurare!

Di lino oppur di cotone lo preferiamo
ma in quantità sicuramente abbondiamo!

Non so voi ma la previdente Cuochina
di canovacci ha i cassetti ricolmi pure in cantina!

Noi lo chiamiamo in tante maniere
ma nel vostro dialetto desideriamo sapere!


Anna: In giapponese "布巾" (fukin), in tarantino "a' mappin"

Ornella: in veneto "sugapiati", in Grecia l'ho sempre chiamato: "πετσέτα κουζίνας"(petseta kousinas) E adesso in Norvegia "kjøkkenhåndkle" (sciokkenhondkle....pressapoco ;-)

Laly: a 25 chilometri da Reggio Calabria il canovaccio si pronuncia "a' mappina" , ma a quanto pare non si differenzia molto dal tarantino :)

Sandra: a Firenze è "asciughino"

Nadia: In Val Camonica in dialetto si dice il "pan de ma" il panno delle mani

Pinko Pallino:  in sardo, è "su pannighedd'e manos".. il panno per le mani

Fabipasticcio:  l'ho sempre chiamato "strofinaccio", mia nonna materna marchigiana lo chiamava così, mia mamma romana idem...adesso lo chiamo "canovaccio", "strofinaccio" o "asciuga piatti" cioè, in dialetto veneto "sugapiatti"...

Claudette:  La mia nonna materna, veneta, lo chiamava "canevassa" (canovaccio, ma al femminile); qui, invece,nel paesino del nord lombardo, sulle rive del lago, terra di orginine paterna, dove sono cresciuta e abito , è chiamato "strasc di piatt" (per distinguerlo dallo "strasc de la pulver"...), comunque uno "straccio".

Tamara:  Anche a Grosseto "asciughino" a Roma...non lo so

Daniela: In dialetto reggiano si dice "buras" (canovaccio) per distinguerlo da "sugaman" (asciugamani)

Angela (Italy): Mia nonna materna (zona Todi/Spoleto) lo chiamava "torcione" perchè un tempo, oltre a tutti gli usi di cucina veniva arrotolato su se stesso e poi a forma di ciambella e usato come "supporto" per trasportare sul capo cesti, grandi piatti e anche piccole giare d'acqua. Mia nonna, nata nel 1911, da bambina, non avendo l'acqua corrente in casa lo usava attorcigliato per appoggiare il contenitore dell'acqua dalla fonte a casa, oltre a tutti gli altri usi (da asciuga piatti e/o mani a presina per togliere le teglie dal forno)

Giuliana: in genovese si dice "piccaggetta"


 

21 commenti:

  1. In Calabria, nella zona più a sud sulla costa a distanza di 10 chilometri ci sono sfumature di dialetti differenti. A 25 chilometri da Reggio Calabria il canovaccio si pronuncia "a' mappina" , ma a quanto pare non si differenzia molto dal tarantino :)

    RispondiElimina
  2. Grazie cara Laly! La nostra bella Italia ha un'infinità di sfumature diverse nei vari dialetti ed è così bello scoprire i modi di dire!
    Lo aggiungo subito, un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Grazie mille cara Sandra un abbraccio!

      Elimina
  4. In Valle Camonica in dialetto si dice il " pan de ma" il panno di mano ciao ciao : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nadia, bello "pan de ma"!
      Un abbraccio!

      Elimina
  5. Dalle mie parti, in sardo, è "su pannighedd'e manos".. il panno per le mani!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, cosa vuol dire "su"? è l'articolo?
      Che bello conoscere come si dice lo stesso termine nei vari dialetti :)
      Buon fine settimana cara!

      Elimina
  6. io l'ho sempre chiamato strofinaccio, mia nonna materna marchigiana lo chiamava così, mia mamma romana idem...adesso lo chiamo canovaccio, strofinaccio o asciuga piatti cioè sugapiatti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Fabiana, in italiano si possono usare tutti quei termini, il bello è sapere come si chiama in dialetto, infatto è bellissimo "sugapiatti"
      Buon fine settimana carissima!

      Elimina
  7. La mia nonna materna, veneta, lo chiamava "canevassa" (canovaccio, ma al femminile); qui, invece,nel paesino del nord lombardo, sulle rive del lago, terra di orginine paterna, dove sono cresciuta e abito , è chiamato "strasc di piatt" (per distinguerlo dallo "strasc de la pulver"...), comunque uno "straccio".
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara Claudette per i bellissimi termini veneto e lombardo!
      Ciao e buon inizio settimana :-)

      Elimina
  8. lastufaeconomica18 febbraio 2013 00:02

    ciao Cuochina, vieni da me a ritirare un premio.
    Abbraccio.

    RispondiElimina
  9. anche a Grosseto "asciughino" a Roma...non lo so

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Tamara.
      Un abbraccio :)

      Elimina
    2. in dialetto reggiano si dire buras(canovaccio) per distinguerlo dal sugaman(asciugamani)
      Cari saluti.
      Daniela

      Elimina
    3. Daniela, è un termine completamente diverso dagli altri ricevuti finora, che meraviglia le lingue!
      Grazie mille cara :)

      Elimina
  10. Angela (Italy)20 aprile 2013 09:59

    Arrivo sempre in ritardo! Mia nonna materna (zona Todi/Spoleto) lo chiamava torcione perchè un tempo, oltre a tutti gli usi di cucina veniva arrotolato su se stesso e poi a forma di ciambella e usato come "supporto" per trasportare sul capo cesti, grandi piatti e anche piccole giare d'acqua. Mia nonna nata nel 1911, da bambina, non avendo l'acqua corrente in casa lo usava attorcigliato per appoggiare il contenitore dell'acqua dalla fonte a casa, oltre a tutti gli altri usi (da asciuga piatti e/o mani a presina per togliere le teglie dal forno)

    RispondiElimina
  11. Grazie mille Angela, qui non si è mai in ritardo.
    La condivisione è utile sempre, e siamo felici che tu lo abbia fatto.
    Ti aspettiamo ancora, grazie!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Ciao in genovese si dice piccaggetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara Giuliana! Buona giornata :-)

      Elimina

Le nostre cucine aperte vi accolgono con amicizia, rispetto e simpatia...ci auguriamo di ricevere lo stesso trattamento.

I commenti anonimi non sono graditi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...