domenica 27 novembre 2016

I Primi della Cucina Italiana - Ris cun la terdura

 Ris cun la terdura
La nostra Cuochina ha deciso di iniziare un nuovo ciclo di ricette con la tag "I Primi della Cucina Italiana" perché ha notato, sul libro “ le Ricette Regionali Italiane” edito da Solares, che ci sono tantissimi golosi primi piatti, conosciuti, molto conosciuti, completamente sconosciuti, nella cucina tradizionale italiana ed ha pensato di riportarli agli onori della ribalta.
Per questo, oltre al consueto appuntamento mensile con Quanti modi di fare e rifare, la troveremo nella sua profumatissima cucina a cuocere, impastare, mescolare e scodellare anche tanti fantastici primi piatti.
Oggi è la volta di una ricetta di Reggio Emilia:  Ris cun la terdura meglio conosciuta come "Minestra del Paradiso" ma anche come "Minestrino di Pasqua"
Di seguito due versioni di questa minestra.
 
Ris cun la terdura (versione con riso)
Ingredienti per 4 persone
  • 2 uova
  • 7 cucchiaiate di  reggiano grattugiato
  • 150 g di riso
  • 1,200 lt. di buon brodo di carne
  • noce moscata, sale
Preparare un buon brodo di carne nel modo in cui si è abituati solitamente. Quand'è pronto, filtrarlo con il colino, prenderne 1,200 lt. e mettere sul fuoco.  Aggiungere il riso ben lavato, scolato e lasciare cuocere. Nel frattempo, in una zuppiera, sbattere le uova con il parmigiano, il sale e la noce moscata grattugiata.
A cottura ultimata del riso, versare la minestra nella zuppiera e mescolare bene. Servire calda.


Minestra del Paradiso (versione con pane grattugiato)
Ingredienti per 4 persone
  • 4 uova
  • 7 cucchiaiate di reggiano grattugiato
  • 4 cucchiai di pane grattugiato
  • 1,200 lt. di buon brodo di carne
  • noce moscata, sale
Preparare un buon brodo di carne nel modo in cui si è abituati solitamente. Quand'è pronto, filtrarlo con il colino, prenderne 1,200 lt. e mettere sul fuoco.
In una zuppiera, mettere le uova, metà parmigiano ed il pane grattugiato. Insaporire le uova con sale e noce moscata, sbatterle con una forchetta ed unirle al brodo non appena riprende il bollore. Mescolare, far cuocere per qualche minuto e togliere la pentola dal fuoco. Rimettere la minestra nella zuppiera e servire accompagnando con il rimanente parmigiano grattugiato.




4 commenti:

  1. Ottimo piatto cara cuochina faccio una piccola precisazione di dire ris coun la tevdura. La minestra del Paradiso più nota come minestrino è molto indicata per i bambini. L'ho preparate tantissime volte per mia figlia come anche il ris coun la tevdura. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Grazie Daniela per la tua precisazione, di sicuro si chiamerà anche come dici tu "ris coun la tevdura", il dialetto ha tante sfaccettature. Ma noi abbiamo preso il nome riportato nel libro che ci fa da guida per questo nuovo ciclo: "le Ricette Regionali Italiane” edito da Solares. Il nome riportato è: MINESTRA DEL PARADISO (tritura o terdura o minestrino di Pasqua), mentre nella spiegazione dice: con il riso prende il nome di "Ris cun la terdura" a Reggio Emilia e "Minestra di riso legato" a Ravenna.
    Un abbracci

    RispondiElimina
  3. Si perchè riso con la tritura o terdura in dialetto reggiano si dice ris coun la tevdura, naturalmente Reggio città. Bacioni.

    RispondiElimina
  4. Cara Cuochina,
    due ottime minestre adatte alle temperature di questo periodo; abbiamo qualcosa di simile anche da noi ma in queste nuove versioni per noi entrano nel nostro menu!
    Strasupercarpiato

    RispondiElimina

Le nostre cucine aperte vi accolgono con amicizia, rispetto e simpatia...ci auguriamo di ricevere lo stesso trattamento.

I commenti anonimi non sono graditi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...