domenica 17 febbraio 2019

Quanti modi di panificare nel mondo: Tessinerbrot, pane ticinese (Svizzera)

Tessinerbrot, pane ticinese ( Svizzera)

Sarà il tempo strampalato, il buco dell'ozono, oppure l'avanzare degli anni della Cuochina, il fatto è che è super eccitata, con la testa che le fuma, piena di tante idee, vorrebbe mettere le mani in pasta in qualsiasi momento ed in ogni dove a prescindere dai risultati. Recentemente, guardando l'Atlante Geografico, è venuta fuori con una domanda da 100 punti: "Chissà com'è fatto il pane qua!" Puntando con l'indice un posto imprecisato dell'Atlante Geografico.
E allora.... l'esuberanza della Cuochina per questo progetto su chi si è riversata? Ma su di noi! Le sue collaboratrici di sempre! Abbiamo spulciato nel web alla ricerca di lievitati di altri Mondi, trovato tante ricette, lingue sconosciute che abbiamo tradotto col traduttore Google (col rischio di aver capito fischi per fiaschi) e quindi rifatte attingendo anche alle nostre conoscenze acquisite con i lievitati.
Abbiamo aderito al progetto della Cuochina sia per il nostro personale piacere che per rendere partecipi le nostre amiche cuochine che ci seguono nelle nostre scorribande culinaria da anni e anni, dell'esistenza di tantissimi modi di panificare.
Al piacere di tutti noi di farli e rifarli ogni volta che ce ne viene voglia. Queste ricette avranno la tag "Pane nel Mondo"
Nota per chi fosse tentato/a di cimentarsi: Facendoci pervenire la foto ed il link del lievitato rifatto, provvederemo ad inserire questi dati al fondo della ricetta stessa.
Siamo liete di presentare quanto da noi trovato e replicato al meglio delle nostre possibilità   


Oggi presentiamo
Tessinerbrot, pane ticinese ( Svizzera)



Il pane ticinese è un tipo di pane bianco tradizionale del Canton Ticino, in Svizzera, ma venduto anche nel resto della nazione, dove è genericamente noto come pane del Ticino (in tedesco Tessiner Brot, in francese Pain tessinois). All'interno del Canton Ticino stesso, ci si può definire ad esso con svariati nomi specifici dei luoghi di produzione, fra cui pane riga, reale o lireta.
Questo tipo di pane nella sua caratteristica forma composta da numerose piccole pagnotte o rotoli, è fatto per essere spezzato a mano. L'aggiunta di olio all'impasto, rende il pane particolarmente soffice. Altre informazioni qui
Noi abbiamo elaborato la ricetta di un video, seguendo il nostro usuale procedimento per i lievitati

Ingredienti
125 g farina per tutti gli usi
125 g farina di forza
140 ml acqua
4 g di lievito di birra secco
5 g di malto (noi estratto di malto)
15 ml di olio extravergine di oliva
5 g di sale

Setacciare insieme le farine. Sciogliere nell'acqua tiepida il lievito insieme al malto 

ed aspettare che diventi schiumoso. Nella ciotola della planetaria mettere le farine, aggiungere i liquidi e avviare.

Quando l'impasto diventa liscio ed incordato, aggiungere l'olio ed il sale e impastare finché tutto è incorporato. Formare una palla metterla in una ciotola e coprire con la pellicola.

Lasciare lievitare fino al raddoppio. 

Riprendere l'impasto, formare un filone, tagliarlo in cinque pezzi e ricavarne delle palline, coprirle e lasciare riposar per 5 minuti.

Modellare ogni pallina in piccoli filoncini (il video spiega molto bene) e unirli fra loro.

Coprire con un sacchetto di plastica per alimenti e lasciare lievitare per circa 40 minuti o finché non è raddoppiato. Nel frattempo preriscaldare il forno a 250°C.
Quando il pane è pronto da infornare, con un coltello affilato o una lametta, incidere il pane abbastanza profondamente,

spruzzare il forno con dell'acqua e infornare velocemente. Scendere la temperatura a 220°C e cuocere per circa 25 minuti.

 Chi ha rifatto questo buonissimo pane ticinese?







***************************************
***************************************

2 commenti:

  1. Questo pane carissima cuochina è una bellezza, ma quanto lo mangerei....lo devo provare. Ciao

    RispondiElimina
  2. Carissima Cuochina, grazie anche per questa stupenda ricetta, sei affidabilissima!
    L'ho fatto già alcune volte, ma devo migliorare il taglio, mi serve un coltello più affilato dei miei, provvederò.
    Baci

    RispondiElimina

Le nostre cucine aperte vi accolgono con amicizia, rispetto e simpatia...ci auguriamo di ricevere lo stesso trattamento.

I commenti anonimi non sono graditi