domenica 18 aprile 2021

Quanti modi di panificare nel mondo: Pan de Sant Jordi (Catalogna)

Pan de Sant Jordi (Catalogna)

Un giorno la nostra Cuochina, guardando l'Atlante Geografico, è venuta fuori con una domanda da 100 punti: "Chissà com'è fatto il pane qua!" Puntando con l'indice un posto imprecisato dell'Atlante Geografico. Allora noi, le collaboratrici di sempre, siamo andate nel web alla ricerca di lievitati di altri Mondi, trovato tante ricette, lingue sconosciute che abbiamo tradotto col traduttore Google (col rischio di aver capito fischi per fiaschi) e quindi rifatte attingendo anche alle nostre conoscenze acquisite con i lievitati.
Abbiamo aderito al progetto della Cuochina sia per il nostro personale piacere che per rendere partecipi le nostre amiche cuochine che ci seguono nelle nostre scorribande culinaria da anni e anni, dell'esistenza di tantissimi modi di panificare.

Nota per chi fosse tentato/a di cimentarsi: Facendoci pervenire la foto ed il link del lievitato rifatto, provvederemo ad inserire questi dati al fondo della ricetta stessa.

Siamo liete di presentare quanto da noi trovato e replicato al meglio delle nostre possibilità

Oggi presentiamo:
Pan de Sant Jordi (Catalogna)

Il giorno di San Giorgio è tradizionalmente celebrato in diverse regioni della Spagna. San Giorgio è il santo patrono dell'ex Corona d'Aragona, poiché il re Pietro I d'Aragona vinse la battaglia di Alcoraz con il suo patrocinio. È anche patrono di diverse città.
Nella maggior parte dei casi, il motivo del rapporto di quelle città con il Santo come loro santo Patrono è legato agli eventi storici accaduti durante la " Reconquista ".
La festa del Santo viene celebrata anche in molte città al di fuori dell'ex Corona d'Aragona in Spagna. San Giorgio è il santo patrono di Cáceres , dal 1229 d.C. La celebrazione del giorno di San Giorgio a Cáceres è fortemente incentrata nel mondo delle leggende. Il santo, inoltre, è molto venerato nella città di Alcoy , nella quale è santo patrono. In suo onore si celebra la festa dei Mori e dei Cristiani.
(Da Wikipedia)

Il 23 aprile a Barcellona e nel resto della Catalogna si commemora Sant Jordi, San Giorgio per noi italiani. In questo giorno festeggiano anche gli innamorati, regalandosi a vicenda un libro e una rosa, prevalentemente rossa ma anche di colori diversi. Le panetterie e pasticcerie delle Catalogna preparano per l'occasione questo bellissimo pane per ricreare i colori della bandiera catalana.
Questa è la nostra versione. Ricetta elaborata da questo sito

Ingredienti (metà dose ricetta originale)
250 g farina 13% di proteine
150 g acqua naturale
50 g formaggio Gouda
50 g sobrasada***
2 cucchiai di noci tritate
7 g di miele
3 g di lievito di birra secco
3 g di sale 

*** Si può sostituire con N'duia, il tipico insaccato calabrese. Per noi è impossibile trovare in commercio sia l'uno che l'altro per cui abbiamo pensato di adattare la ricetta con del salame normale in questo modo:

Ingredienti per la sobrasada (o sobrassada in catalano)
100 g salame stagionato
6 g di paprika
1 g peperoncino piccante
1 g di pepe bianco appena macinato 

Frullare per qualche minuto il salame con il resto degli ingredienti, aggiungendo un po' di acqua se risultasse troppo asciutto. Mettere in frigo. 
Non abbiamo idea del periodo di conservazione per cui consigliamo di usarlo entro 48 ore.
 
Preparazione dei panini
Nella ciotola della planetaria mettere la farina, fare la fontana e al centro versare l'acqua e di seguito il lievito ed il miele. Avviare e non appena l'impasto inizia ad avvolgersi al gancio, unire il sale e impastare finché l'impasto non risulti liscio e incordato.

Dividere l'impasto in tre parti uguali. In una parte aggiungere la sobrassada e impastare fino a completo assorbimento.


Nella seconda parte unire il formaggio grattugiato


Nella terza parte le noci tritate


Coprire le ciotole con la pellicola e lasciare lievitare al caldo per circa un'ora, finché non è raddoppiato.


Stendere con il matterello il primo impasto con il formaggio. Poi stendere l'impasto con la sobrasada leggermente più piccolo e sovrapporlo a quello con il formaggio facendo in modo che si ottengano 4 pezzi con la sobrasada e uno senza.


Impilare uno sopra l'altro i 5 pezzi ottenuti mettendo in cima quello senza sobrasada. Stendere la sfoglia con le noci a quadrato e sistemarvi al centro i pezzi con la sobrasada ed il formaggio.


Avvolgere con la sfoglia alle noci i pezzi impilati e sistemati al centro. Con le mani rullare un po' il pezzo ottenuto per farlo diventare leggermente rotondo. Tagliare con un coltello affilato 9 pezzi e adagiarli sulla placca del forno, schiacciandoli delicatamente per non rovinare le righe.


Coprire e lasciare lievitare per un'ora


Preriscaldare il forno a 230°C . Infornare per i primi 5 minuti vaporizzando un uno spruzzino e poi abbassare la temperatura a 200°C e cuocere per circa altri 15 minuti. Ogni forno è diverso per cui i tempi di cottura sono puramente indicativi


***************************************
***************************************





Nessun commento:

Posta un commento

Le nostre cucine aperte vi accolgono con amicizia, rispetto e simpatia...ci auguriamo di ricevere lo stesso trattamento.

I commenti anonimi non sono graditi